In questi giorni di forti discussioni sulle tematiche del risorgimento, e di sterili polemiche sulle figure che hanno animato l’unione del nostro paese, abbiamo voluto pubblicare l’ebook gratuito del Poema Autobiografico di Giuseppe Garbaldi, padre della nostra nazione, personaggio assolutamente positivo che ha combattuto in Italia e nel mondo per l’amore della libertà. Di Garibaldi si presume di conoscere la figura politica e militare, ma assai meno quella privata.
Il generale Garibaldi, ferito all’Aspromonte, ebbe una lunga convalescenza, come si sa. Quello che si sa molto meno è che usò la sua immobilità per scrivere un poema. Un poema autobiografico, il cui incipit è concepito a Caprera, e che racconta le proprie gesta, dalle guerre d’America a quelle d’Europa, in endecasillabi sciolti.

Se di Garibaldi sono abbastanza noti i romanzi, quasi sconosciuto è il poema autobiografico. Che, indipendentemente dalle qualità letterarie, ci restituisce, come fa sempre la poesia, il sentimento e l’emozione privata del guerriero. E ci illumina su alcuni momenti sentimentali, come nei versi che raccontano la morte di Anita, oppure ci accompagnano tra i bagliori della battaglia di Palermo.

Tutta l’impresa americana, e tutta l’impresa dei mille sono raccontate, rivissute, celebrate in versi dal Generale. Integrando i versi del poema, opportunamente ridotti e montati, con brani dell’autobiografia in prosa, seguiamo lo svolgersi delle vicende e soprattutto lo stile dell’uomo, nella sua scrittura oggettiva e soggettiva, in un turbinoso viaggio. Intonandosi alla musica di una banda.

Scarica gratuitamente l’ebook del Poema autobiografico di Giuseppe Garibaldi