Booksandbooks pubblica un ebook gratuito contentente due tra i più beri racconti scritti da Oscar Wilde. Così dopo il celeberrimo Ritratto di Dorian Gray, abusato al cinema. Primo: Il Fantasma di Canterville, una delle opere più incomprese di Oscar Wilde, che viene a tutt’oggi introdotta nelle raccolte per ragazzi assieme alle altre favole da lui scritte per i suoi due figli, e che tuttora si rappresenta nei teatrini scolastici. Ma non è una favola, o se mai lo è, è una favola nera, un piccolo intrigo, un bluff sapiente e misurato tramato ai danni di noi lettori dal più grande ingannatore della storia.

Brillante e spumeggiante come una coppa di champagne questo racconto è tutto imperniato sull’incontro tra due culture agli antipodi, la vecchia solida inamovibile realtà britannica contrapposta con la nuova rampante ed emergente società americana. Il fantasma di per sé è solo un elemento nel contesto, anzi tecnicamente parlando è uno degli oggetti compresi nella compravendita della casa avita, presso la quale dimora.

Esilarante e burlesco, scritto in tono scansonato, con una prosa sciolta e disincantata, umoristico ma non troppo, questo testo, ingiustamente trascurato, racchiude dentro di sé tutto un universo: fatto oggetto di studi approfonditi esso rivela tutta una serie di piani narrativi elegantemente sovrapposti e sapientemente dosati. Ironia e satira nei confronti delle due culture contrapposte: da una parte il solido pragmatismo degli americani, convinti di conoscere la soluzione a tutti i problemi, sicuri di poter dominare il mondo, certi di ottenere la conquista di ogni obiettivo e di conseguire il superamento di tutti gli ostacoli, la nuova aristocrazia, il potere del denaro, la classe emergente, il futuro, dall’altro lato il passato, la vecchia solidità britannica, l’amore per le tradizioni, il mito, la leggenda, la classica imperturbabilità e quel vecchio ancestrale modo di essere sempre uguali a sé stessi in ogni circostanza che hanno fatto degli inglesi il popolo conquistatore e colonizzatore che ha dominato il mondo.

Da una parte la vecchia solida Inghilterra dunque, e dall’altra l’America nascente, da una parte la fantasia, la creatività, l’emozione, dall’altra il realismo, lo scetticismo, il pragmatismo, due mondi diversi che mal si conciliano, e ancora una volta la lacerante divisione sempre più sentita tra l’umanismo e il positivismo, tra le tradizioni e il progresso, tra la storia e la scienza, tra la filosofia e la tecnica, in una lettura frizzante e umoristica, condotta con mano leggera e sobrio “sense of humour” che sono tipici di tutta la produzione di Wilde.

Il delitto di Lord Savile, quasi un romanzo breve più volte getto di riduzioni teatrali e cinematografiche, è un piccolo capolavoro di garbato cinismo in cui veleno, orologi esplosivi e infine il delitto, sono preludio indispensabile alle nozze tra il protagonista e una dolce fanciulla. Il protagonista risulta molto pratico nell’affrontare i problemi che si ritrova, non si fa remore di infrangere la morale, il destino contro la volontà che non trova resistenza; è questo forse riconducibile al Fato greco – di quella Grecia che Wilde idealizza come epoca felice e quasi perfetta -, superiore persino agli Dèi, e quindi, anche alla mera morale degli uomini. Tema questo, della moralità tradita, che si evolverà poi negli anni, e da un’inevitabile ed imposta scelta “fatale”, arriverà ad essere una consapevole volontà del protagonista, e per questo buona solo a portare la rovina – tutto questo, ovviamente, nel Ritratto di Dorian Gray.

Scarica gratuitamente l’ebook gratuito de Il fantasma di Canterville e il Delitto di Lord Savile di Oscar Wilde