L’estate, si sa, è il periodo dove si legge di più. Perché il tempo libero aumenta, perché ci sono le ferie per tanti lavoratori, perché si trascorrono intere giornate al mare e, questi, sono alcuni dei momenti in cui una persona vuole rilassarsi.

E qual è miglior soluzione rispetto a leggere un libro? Proprio per questo, ecco i migliori tre libri da leggere per l’estate, stando alle ultime uscite.

Che dispiacere (Paolo Nori)

Lo scrittore Paolo Nori, con questo testo, ci porta dentro a un giallo scorrevole, pieno di sorprese e novità. Il protagonista è un giornalista, Bernardo Berigazzi, direttore sotto uno pseudonimo della rivista sportiva Che Dispiacere. Il testo potrebbe non piacere ai tifosi juventini, perché questo giornale esce dopo ogni sconfitta dei bianconeri.

Non vogliamo spoilerarti troppo, però leggerai di un omicidio che vedrebbe coinvolto lo stesso direttore. Non manca la descrizione della città in cui viene localizzato questo romanzo, nonché un briciolo di romanticismo che non manca mai.

Adatto per chi vuole dei gialli non troppo ‘pesanti’ ma che sono un mix di un po’ di tutto. Si fa leggere tutto d’un fiato e, una volta finito, ti verrà da dire che è finito troppo presto.

L’inverno più nero. Un’indagine del commissario De Luca (Carlo Lucarelli)

Per chi legge libri, Carlo Lucarelli è una garanzia. Autore di tanti best seller, nonché artefice di trasmissioni televisive che parlano dei misteri italiani irrisolti, questo romando è ambientato a Bologna, nel 1944.

Siamo sul finire della Seconda Guerra Mondiale e nel pieno della battaglia tra i partigiani e i nazisti/fascisti. Questo romanzo non si limita soltanto a raccontare, magari, lo scenario di guerra ma va molto nel profondo.

Racconta di una persona, De Luca appunto, che capisce, forse, come la violenza così becera non porti da nessuna parte. All’improvviso vengono ritrovati tre cadaveri su cui si è costretti a indagare. Il commissario De Luca è costretto a indagare per tre committenti diversi.

E, si sa, il mondo è piccolo e tutti si conoscono. Un libro in perfetto stile ‘lucarelliano’.

Dormi stanotte sul mio cuore (Enrico Galiano)

Enrico Galiano è un professore, con un seguito sul web da far invidia ai suoi colleghi. Non ha paura di prendere posizioni anche scomode – tutte legate al rispetto umano e all’uguaglianza -, autore di alcuni libri letti da moltissimi adolescenti.

Come sempre, i protagonisti dei libri di Galiano sono gli adolescenti. In questo caso, c’è una ragazza che ha come migliore amica la sua maestra delle elementari. Mia, la protagonista, si domanda perché il bambino/ragazzo che la sua famiglia ha preso in affido è andato via, nonostante, almeno all’apparenza, non c’erano stati dei segnali che andassero in tal senso.

Questa esperienza l’ha segnata e ha perfino paura di avvicinarsi alle persone.

Galiano lancia un messaggio che si protrae per tutto il libro. In alcune pagine più chiaramente, in altre meno. Quale? Non vogliamo spoilerarti nulla. Il libro vale ogni singolo centesimo che viene speso per acquistarlo.